ITALIA A RISCHIO VIRUS NEGLI ALIMENTI: disintossicazione !!!

FacebookTwitterGoogleLinkedInPinterest


Italia a rischio virus
Nel nostro Paese le intossicazioni alimentari sono in aumento, come confermato anche l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare e i dati diffusi dal “Rasff” ossia il Sistema Europeo di allerta per alimenti e mangimi. I motivi dell’elevato rischio alimentare si devono rintracciare sia nella tendenza ad acquistare prodotti di scarsa qualità che nell’operato delle aziende che, in taluni casi, non mettono in pratica tutte le norme igieniche; Non va inoltre dimenticato che molte contaminazioni avvengono a casa perchè non vengono rispettati i criteri base di pulizia.

Le intossicazioni alimentari di lieve entità si manifestano con dolori addominali, nausea e febbre che, in due o tre giorni, spariscono in modo naturale. Non di rado, dietro queste manifestazioni vi sono alimenti mal conservati o non cotti in maniera adeguata; le altre cause riguardano l’abitudine di non disinfettare gli utensili impiegati per lavorare la carne cruda, in particolare il pollo. Questo vale anche per le uova che sul guscio conservano germi e batteri potenzialmente pericolosi.

Per evitare che gli alimenti diventino un ricettacolo di virus e germi bisogna mantenere pulito il piano di lavoro, non far entrare in contatto la carne cruda con gli altri alimenti ed evitare di tenere in frigorifero verdura sporca vicino a formaggi o ad altri prodotti da consumare crudi.

La carne, in particolare quella di maiale e di pollo, deve essere ben cotta e non rosata ed i cibi scongelati non vanno mai ricongelati; inoltre, quando bisogna scongelare del cibo questo va posto all’interno del frigorifero e non lasciato all’aria.

Una regola troppo spesso disattesa riguarda il lavare le mani con sapone ed acqua calda prima di iniziare a cucinare e dopo aver toccato la carne cruda. Gli strofinacci ed i grembiuli devono essere disinfettati e cambiati giornalmente.

Al supermercato bisogna scegliere prodotti che siano ben conservati, controllando la data di scadenza e la loro integrità. Un alimento con un costo eccessivamente basso potrebbe nascondere delle insidie, come per esempio una scarsa attenzione per le regole di produzione e la conservazione degli ingredienti di base.

 www.tuttasalute.net